headera
a-proposito-di

“il tempo è un’illusione” sosteneva Einstein. Sarà…ma intanto scorre!

 

Sono passati due anni dalla nascita di Cevlab Srl, progetto fortemente voluto dal nostro CEO al fine di rappresentare al meglio l’orientamento strategico del gruppo rispetto al tema dell’innovazione, del know how, della specializzazione o più semplicemente… della competenza.

CEVLAB, fornisce servizi di consulenza tecnica, progettazione meccanica, progettazione elettronica, design industriale e testing. Nasce con l’intento iniziale di integrare le strutture tecniche di Zadi ed Ecie ma ha come obiettivo di medio termine quello di divenire vero e proprio provider tecnico per tutte le aziende del gruppo e, una volta acquisiti gli opportuni accreditamenti, anche per clienti terzi.

La definizione di tali obiettivi impone come primo passo quello di condividere con regolarità all’interno del gruppo, ovvero “tra di noi”, tutte le informazioni su dotazione tecnologica, professionalità e progettualità, nella consapevolezza che l’allineamento informativo è un requisito fondamentale per rendere fruibili i servizi cevlab e per orientare l’acquisizione di nuove professionalità e nuove tecnologie in risposta prima di tutto alle esigenze delle aziende che fanno parte del gruppo.

Ad oggi Cevlab conta 27 persone tra progettisti meccanici, elettronici, tecnici di laboratorio e designer industriali, distribuiti tra le sedi di Lainate (MI), Carpi (Mo) e Pontenure (PC).

Lainate raggruppa principalmente le competenze relative alla progettazione e al testing di dispositivi di illuminazione.

Carpi ha una divisione meccanica ed elettronica che vive della pluriennale esperienza nella progettazione, industrializzazione e produzione di serrature e dispositivi di comando.

Pontenure è il sito di riferimento delle figure “creative”, impegnate nel design industriale, nell’editing grafico e nel design multimediale.

new-technologies

SCANNER 3D

Da settembre Cevlab si è dotata dello strumento CAM2 Edge, una macchina per la scansione 3D che utilizza la tecnologia a luce laser blu, e dei software Polyworks inspector e Polyworks Engineer.

Con questa strumentazione, attività come ispezioni dimensionali, confronti pezzo/CAD, allineamenti o reverse engineering e documentazione 3D diventano una realtà aziendale. Affiancata alla prototipazione 3D, questa strumentazione completa la capacità di replicare componenti anche parzialmente passando dal modello 3D.

Lo strumento è in grado di ‘leggere’ la superficie di molti prodotti senza alcuna manipolazione e quelli trasparenti o riflettenti con un semplice e veloce trattamento con una ripetibilità della misura di 0.029 mm.

La dotazione a corredo consente un rilevamento volumetrico sferico di 2,7 m e di effettuare rilevamenti on site per mezzo di un tripode.

I campi di applicazione di un prodotto simile sono innumerevoli e l’uso di questo strumento spazia dal controllo qualità sino alla progettazione.

I software acquistati a corredo con lo strumento sono Della Polyworks (Inspector e Modeler). Con il primo Cevlab è ora in grado di automatizzare il processo di collaudo riducendo i tempi che intercorrono dalla verifica dimensionale fino alla redazione del report: il tutto viene fatto in modo automatico e personalizzato. Il secondo software coadiuva i progettisti nell’estrazione dal modello poligonale al modello cad.

cam2-edge-scanarm-hd-lifestyle-021
image001

STAMPANTE 3D

È disponibile presso la sede di Pontenure di Cevlab la nuova stampante 3d Mark one che si aggiunge alla prototipatrice rapida a getto Overmach già in uso da 4 anni presso la sede di Carpi.

ONE è in grado di stampare diverse tipologie di materiali con un unico estrusore ed ha una risoluzione di 0.015 mm e un campo di lavoro di 210mm x 210mm x 300mm.

I materiali lavorabili sono PLA, ABS, Fibra di Carbonio, Fibra di Legno.

Nelle prime settimane di funzionamento la stampante è stata principalmente utilizzata per la realizzazione di prototipi per Bestlux.

La stampante lavora con tecnologia FDM, lavora cioè su un principio “additivo” rilasciando il materiale su strati. Un filamento plastico o un filo metallico è srotolato da una bobina, che fornisce il materiale ad un ugello di estrusione, con il quale è possibile gestire il flusso. L’ugello è riscaldato per poter sciogliere il materiale e può essere guidato sia in direzione orizzontale che verticale da un meccanismo di controllo numerico, cioè seguendo un percorso tracciato da un software CAM

people
its-maker

Benvenuto a

Dal mese di settembre sono stati inseriti nell’area tecnica di Carpi due nuovi tirocinanti provenienti del corso TECNICO SUPERIORE IN PROGETTAZIONE MECCANICA E MATERIALI gestito dall’ITS Maker di Modena, a conferma della efficace collaborazione che Cevlab ha con le scuole di specializzazione in ambito tecnico.

Matteo Ganassi, Perito meccanico di Carpi, è entrato a far parte dell’areai industrializzazione ed è attualmente in un progetto di riorganizzazione del layout del montaggio locking di Zadi

Matteo Magnanini, anch’egli perito meccanico è entrato in Cevlab Carpi nell’area progettazione meccanica.

ITS MAKER è l’Istituto Superiore Meccanica, Meccatronica, Motoristica e Packaging dell’Emilia Romagna. Realizza percorsi biennali post diploma d’eccellenza, finalizzati all’ingresso nelle migliori aziende meccaniche e meccatroniche dell’Emilia Romagna. L’offerta formativa si differenzia da quella universitaria in quanto caratterizzata da una didattica fortemente laboratoriale e pratica, realizzata con docenti esperti del settore e con un’alta percentuale della formazione svolta in azienda. Al termine dei corsi è rilasciato dal Ministero dell’Istruzione un diploma di V livello EQF, valido in Italia e in Europa. Con quattro sedi a Bologna, Modena, Reggio Emilia e Fornovo Taro (PR) e cinque percorsi formativi, ITS MAKER è oggi uno dei più grandi ITS a livello nazionale e rappresenta il cuore del polo tecnologico della meccanica, meccatronica e automazione dell’Emilia Romagna.

uno-di

Inauguriamo la rubrica con l’ultimo dei senior (ultimo per data di inserimento ovviamente!)

Andrea Cavazzoni, classe 1981, Firmware Engineer presso Cevlab Carpi da giugno 2016.

Laurea magistrale in Ingegneria Elettronica, specializzazione elettronica dei sistemi digitali, presso l’università degli studi di Parma nel 2007.

Dal 2007 fino al 2016 ha lavorato per due aziende facenti parte di uno stesso gruppo industriale: nella prima realizzava firmware per inverter (trifase ed in continua) e nella seconda programmava microcontrollori per caricabatteria ad alta frequenza. Ha lavorato con il protocollo di comunicazione CANBUS.

Attualmente in Cevlab è coinvolto nella progettazione di un nuovo caricabatteria destinato ad alimentare la nuova torre faro ibrida Tecnogen/Bruno; nella definizione del Battery Management System in collaborazione con lo staff Tecnogen; nella realizzazione del firmware per il guida luce del nuovo Multistrada Ducati.

uno-di-noi
curiosita
museo-nicolis-vespaa

EXHIBITION VESPA MUSEO NICOLIS:

Dal 6 luglio al 30 ottobre 2016, il GRUPPO ZADI, è orgoglioso Sponsor dell’evento #Exhibition Vespa, “una tra le più belle mostre dedicate alla Vespa mai allestite”, ospitata presso le sale del Museo Nicolis di Villafranca di Verona.

Il gruppo Zadi può infatti vantare un piccolo contributo all’icona del design italiano immaginata da Piaggio; con i propri marchi CEV (sul mercato dal 1906 come F.lli Pagani) e ECIE (nato nel 1991), ha contribuito da sempre alla realizzazione della Vespa, fornendo non solo i sistemi di illuminazione e le strumentazioni, ma anche le serrature (con Zadi, marchio nato nel 1962).

L’evento in mostra al Museo Nicolis ospita 70 modelli per celebrare i 70 anni del mito Piaggio.

Dalla prima all’ultima Vespa mai prodotta in un percorso che include modelli unici in Europa, le tre serie Sport – visibili assieme solo in questa occasione – le Gran Turismo e le Scocca piccole che hanno accompagnato la gioventù di tre generazioni.

Disponibile, sempre in anteprima, anche la nuova edizione aggiornata dell’ormai classico volume di Giorgio Sarti “VESPA 70 ANNI”.

Grazie all’impiego della tecnologia bluetooth BLE (Bluetooth Low Energy) e a una serie di beacon disposti nelle sale del museo e della mostra, si potrà vivere un’esperienza di engagement digitale e di indoor navigation che consentirà ai visitatori di ricevere contenuti informativi di approfondimento contestuali, a seconda delle sale del museo in cui ci si trova, direttamente sui proprio smartphone. Un’esperienza interattiva per rendere la visita alla mostra e alle collezioni più immersiva e, nel contempo, più libera.

#ExhibitionVespa è visibile anche su Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest.

www.museonicolis.com